lunedì 20 ottobre 2014

Muffin mela e nocciole

E' veramente un sacco di tempo che non scrivo un post (quasi un mese!) e non cucino nulla di particolare. Anzi, non ho cucinato nulla e basta. Purtroppo sto attraversando un periodo poco felice, dove il tempo libero e poco e la voglia di fare sta scivolando via poco per volta. Ho nuovamente trovato un lavoro e, ora come ora, dovrebbe essere una bella notizia se non fosse che l'ambiente di lavoro rasenta l'assurdo. Mi ritrovo troppo spesso ad essere martellata da "rimproveri" totalmente insensati, probabilmente l'unico sfogo di una persona piccola e presuntuosa. Ecco perchè l'entusiasmo per le mie passioni sta diminuendo. Se un mese senza cucinare non è sufficiente a rendere l'idea, sappiate che è un mese che non vedo un nuovo film. So che non sembra una grande cosa ma chi mi conosce sa che sono una persona piena di interessi che aumentano alla velocità della luce, il completo spegnersi di questo fuoco non è normale.
Nonostante ciò ieri mi sono quasi imposta di cucinare qualcosa. Non ho seguito una ricetta particolare, non avevo il tempo di procurarmi gli ingredienti che sicuramente mancavano. Ciò che mi ha spronato è stata la fiera d'autunno del mio paese. La fiera in sè non era nulla di particolare, mi sono però detta che dovevo fare qualcosa per celebrare quella che per me è la stagione più bella.


INGREDIENTI
2 uova
120g di zucchero
130g di farina
20g di amido di mais
1/2 cucchiaio raso di lievito per dolci
100g di burro
2 mele piccole
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di zenzero
45g di nocciole

Come prima cosa ho sbattuto le uova e lo zucchero insieme. Ho aggiunto il burro fuso e, sempre mescolando, ho unito la farina precedentemente addizionata di lievito e amido di mais. Una volta ottenuto un composto omogeneo ho pelato e tagliato le mele a cubetti e le ho unite alla base per muffin. Ho poi mescolato insieme le nocciole tritate, lo zenzero e la cannella.
Ho imburrato una teglia per muffin ed ho versato l'impasto dentro ai pirottini. Ho cotto i dolcetti a 160°C per 20 minuti.




giovedì 25 settembre 2014

Crema di zucca

Si continua con le ricette autunnali. Questa volta vi propongo una mia versione di questa crema di zucca.
La differenza sostanziale sta nella quantità di patate utilizzate, ho usato il quadruplo della quantità scritta. Questo rende la crema mangiabile anche da chi, come me, la zucca non la ama. Personalmente la trovo troppo dolce e, mentre in una torta o in un muffin la cosa non mi disturba, in una portata salata mi nausea. La "grande scoperta" è banalmente nata da un errore, ho letto male la quantità di patate da usare (400g, invece di 200g) e dovendola raddoppiare perchè avevo il doppio della zucca richiesta ho usato 800g di patate.


INGREDIENTI
800g di patate
1,2 kg di zucca
1/2l di brodo vegetale
1 pugno di misto per soffritto
5-6 foglie di basilico
2-3 foglie di salvia
olio di oliva
1 spicchio d'aglio
1/4 di cucchiaio di cannella
1 cucchiaino di timo (o un rametto se fresco)

Come prima cosa ho pulito zucca e patate, le ho tagliate a cubetti ed ho preparato il brodo. In una pentola con i bordi alti ho messo a soffriggere il misto per soffritto e uno spicchio d'aglio tagliato in due. Ho aggiunto la zucca e le patate ed ho fatto cuocere per qualche minuto in modo da ammorbidire la verdura. Ho poi aggiunto il brodo poco alla volta. Ho legato in un mazzetto le foglie di salvia e basilico e le ho aggiunte insieme al timo spezzettato (io ho usato quello secco, se avete del timo fresco legatelo con il basilico e la salvia). Ho lasciato cuocere ancora per una 20ina di minuti, ho tolto il mazzetto di spezie e le ho frullato la zuppa. Ho aggiustato di sale e pepe ed ho aggiunto la cannella. Ho cotto ancora per qualche minuto la crema, poi l'ho servita cospargendo con un filo d'olio.


La prossima volta voglio provare ad aggiungere del farro.
Se provate a rifarla o avete delle idee per cambiarla sarei felice di saperlo!

lunedì 22 settembre 2014

Plumcake mela e cannella

Dal momento che siamo ufficialmente in autunno (anche se ieri qui sembrava Agosto) vi propongo questa ricetta dai sapori tipici di questa stagione.
Il plumcake l'ho fatto la scorsa settimana a dire il vero ma, causa vacanze, la pubblico oggi. L'idea era di fare un dolce con tanta, tanta cannella. Io adoro la cannella! Per la base ho usato la ricetta che vi avevo proposto qui. Penso che sarà un must del mio autunno/inverno, insieme ad una tazza di tè e il fuoco del camino.


INGREDIENTI
2cup di farina integrale
1 1/2tsp di bicarbonato
1/2tsp di sale
113g di burro
1cup di zucchero
2 uova
1/2cup di yogurt bianco
2 mele
1/2tbs di cannella

In una terrina ho mescolato la farina, il bicarbonato e il sale. Dopo aver pelato le mele e tagliate a cubetti le ho aggiunte alla farina. In un'altra terrina ho mescolato lo zucchero con il burro tagliato a dadini. Ho aggiunto le uova allo zucchero e le ho amalgamate bene. Infine ho unito lo yogurt e la mistura di farina e bicarbonato.
Ho imburrato la teglia per plumcake, ho versato il composto e l'ho decorato con delle fettine di mela. Ho cotto il plumcake per 1 ora a 175°C. A circa metà cottura ho coperto la teglia con della stagnola per non bruciarlo.
L'ho lasciato raffreddare per qualche minuto e poi l'ho sformato.


Come ho scritto prima io lo abbinerei ad una tazza di tè bollente per scaldare un pomeriggio autunnale, ma anche a colazione con una tazza di latte sta benissimo!
Potete tranquillamente sostituire la farina integrale con farina 00. Trovo che quella integrale sia più gustosa, ma è sicuramente buono anche con la farina bianca.

martedì 9 settembre 2014

Salsa tzatziki

La salsa tzatziki è un piatto greco/turco. E' composta principalmente da yogurt di latte di capra e cetrioli.
In Grecia la servono abbinata a qualunque piatto, come dressing per l'insalata greca, nel gyros o come piatto a se stante accompagnata da pane.
Nelle ultime settimane sono stata sommersa dai cetrioli, non sapendo più come smaltirli (anche perchè non si prestano a molti usi se non l'insalata) ho pensato di provare a fare questa salsa. Non pensate che ciò vi liberi da chili di cetrioli, ne servono pochi per una considerevole quantita di  tzatziki.
La ricetta arriva da un libro di cucina greca che comprai anni fa a Skopelos, fatevi un favore e andate su questa meravigliosa isola almeno una volta nella vostra vita!


INGREDIENTI
400g di yogurt greco
1 1/2 cetriolo
1 spicchio d'aglio
4-5 gocce di succo di limone
1 cucchiaio di olio d'oliva
sale

Ho lavato e pelato il cetriolo. Con una grattuggia l'ho ridotto a purea e l'ho strizzato in un canovaccio per eliminare l'acqua in eccesso.
In una terrina ho rovesciato lo yogurt, ho aggiunto il cetriolo e l'aglio grattuggiato. Dopo aver amalgamato gli ingredienti ho incorporato l'olio, il sale e il succo di limone ed ho mescolato bene
La salsa va servita fredda, è bene quindi tirarla fuori dal frigo poco prima di servirla.


Io ho servito la tzatziki con del pesce, ma avendo un gusto molto delicato si abbina bene con qualunque pietanza. 
Avevo intenzione di farne un po' di più e congelarla, ma non so se sia una buona idea visto che è composta da yogurt principalmente. Voi sapete se è possibile farlo?


martedì 26 agosto 2014

Fiori di zucchina e salvia in pastella

Ammetto che scrivere questo post in una giornata dall'aspetto autunnale, nonostante sia ancora piena estate, è strano.
La scorsa settimana al supermercato mi sono imbattuta nell'ultima confezione di fiori di zucchina, così ho pensato di comprarli per farli fritti visto che l'unica pianta sopravvissuta dell'orto non ha abbastanza fiori per una frittura. Ho pensato poi di aggiungere un piattino di salvia fritta, la pianta della salvia è viva e vegeta!
Per la pastella ho usato la ricetta di GialloZafferano.


INGREDIENTI
10 fiori di zucchina
10 foglie di salvia
1 uovo
75g di farina
100ml di latte
sale
olio di semi

Prima di tutto ho preparato la pastella. Ho diviso l'albume dal tuorlo, ho sbattuto il tuorlo con il sale ed ho aggiunto il latte freddo. Continuando a mescolare ho incorporato la farina e per ultimo ho aggiunto l'albume montato a neve.
Ho tolto il pistillo ai fiori, li ho lavati ed asciugati bene. Ho lavato ed asciugato anche le foglie di salvia.
Ho scaldato l'olio in una padella con i bordi alti. Quando è stato caldo ho bagnato i fiori nella pastella e li ho buttati nell'olio. Li ho fatti brunire leggermente da entrambi i lati e li ho posati su della carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Ho fatto la stessa cosa per le foglie di salvia.

Fiori di zucchina
Foglie di salvia

lunedì 18 agosto 2014

Tartellette alle nocciole e nutella

La ricetta di queste tartellette arriva da un libro interamente dedicato al cioccolato. La ricetta originale prevede l'utilizzo di crema di cioccolato come ripieno, questa volta ho pensato di variare e utilizzare la nutella (tempo fa avevo usato la crema di cioccolato).
La difficoltà di queste tartellette sta nello sformarle senza romperle. Di per se la pasta frolla è fragile, con l'aggiunta della farina di nocciole lo è ancora di più. E', in ogni caso, una cosa fattibile, basta avere un po' di pazienza ed essere delicati.


INGREDIENTI
150g di farina 00
100g di zucchero
1 uovo
100g di farina di nocciole
100g di burro
200g di nutella
nocciole intere

Ho mescolato lo zucchero e la farina di nocciole (potete usare nocciole intere e tritarle con lo zucchero se non avete la farina). In una terrina ho lavorato il burro tagliato a pezzettini con la farina di nocciole, la farina e l'uovo. Ho impastato fino ad ottenere una composto omogeneo e compatto. Ho avvolto l'impasto nella pellicola e l'ho lasciato in frigo per 2-3 ore (è sufficiente un'ora comunque).
Ho steso la pasta su un piano infarinato e l'ho tagliata della grandezza dello stampo. Ho rivestito lo stampo, bucherellato la pasta (se li avete potete ricoprire la base con fagioli secchi, così non gonfia) e ho cotto la pasta in forno a 180°C per 15 minuti.
Ho lasciato raffreddare la pasta frolla e l'ho sformata. Ho riempito la tartelletta con la nutella e ho decorato con una nocciola intera.


Se volete farcirle con la crema al cioccolato fondete a bagnomaria 200g di cioccolato fondente e incorporate 80ml di panna.

giovedì 7 agosto 2014

Frittelle di patate e ortiche

Quest'anno le ortiche si sono fatte aspettare, come tutta la verdura del resto. Vi avevo già proposto due primi con le ortiche (qui e qui), questa volta ho optato per un antipasto/finger food. La ricetta arriva dal web, ma non ho appuntato il sito da cui l'ho presa, mea culpa! Si trattava di polpettine di patate, io ho modificato la ricetta, essenzialmente ho rivisto le dosi, ed ho fatto delle frittelle. Come tutte le frittelle anche queste sono molto veloci da fare.


INGREDIENTI
2 patate grosse
50g di ortiche
1 cucchiaio di farina
2 uova
noce moscata
sale
pepe
olio di semi

Dopo aver pulito (ricordatevi i guanti!) le ortiche le ho lessate per 10 minuti in acqua bollente salata. Le ho messe da parte a raffreddare. Ho lessato le patate con la pelle, le ho poi pelate e ridotte a purea.
Alle patate ho aggiunto due uova sbattute, le ortiche tritate, sale, pepe e qualche grattuggiata di noce moscata. Come ultima cosa ho aggiunto un cucchiaio di farina per rendere il composto più asciutto.
Ho scaldato dell'olio di semi in una pentola con i bordi alti. Quando l'olio è arrivato in temperatura ho versato dentro il composto di patate con un cucchiaio, formando dei mucchietti separati. Li ho lasciati brunire da un lato e poi li ho girati. Una volta cotti li ho messi su della carta assorbente e li ho spolverati con sale e pepe.


Si possono servire sia tiepide che fredde.